MyMama Tour 2021; conquistata dall'affidabilità e consistenza di SLX-D ©Diletta Radaelli

MyMama Tour 2021; conquistata dall'affidabilità e consistenza di SLX-D ©Diletta Radaelli

Introduzione

La Rappresentante di Lista è una band vulcanica ed eclettica, che racchiude nel suo microcosmo una serie infinita di talenti e sfaccettature: i loro show sono quindi sempre caratterizzati da una forte esigenza di continui stravolgimenti della disposizione dei musicisti sul palco, di passaggi di strumenti tra questi ultimi, di movimenti, coreografie o veri e propri atti performativi, quasi trasformando il loro concerto in uno show teatrale con personaggi che vivono e si sviluppano assieme al proprio pubblico.

Customer Profile

Arturo Magnanensi, tecnico del suono per il MyMama Tour: Il tour è stato fortmenete influenzato dalla forte energia e creatività della band accumulata durante il lock-down, che necessitava di essere finalmente liberata durante l'intero spettacolo. Ovviamente tutto questa dinamicità doveva riflettersi in un set-up flessibile capace di adattarsi alle molte tipologie di spettacolo programmate per il tour. Anche a causa delle restrizioni, lo show doveva rispettare determinati orari, con diversi tipi di illuminazione, in palchi sia ampi che non, senza mai influenzare la natura dello spettacolo stesso o la sua resa tecnica e artistica per il pubblico. Direi che la flessibilità tecnica era un fattore importante per garantire lo stesso effetto dello spettacolo in tutti gli ambienti dove eravamo chiamati ad allestire.

Queste esigenze, come si può immaginare, hanno influito enormemente nella scelta della tecnologia audio: il nostro team aveva bisogno di poter garantire agli artisti tutta la mobilità ed affidabilità necessarie a performare lo show quasi “dimenticandosi” di avere della strumentazione addosso o in mano. Nello specifico, Dario (voce, chitarra, basso, pianoforte e sax) e Veronica (voce), frontman e frontwoman della band, avevano bisogno di potersi muovere liberamente su tutto il palco e su tutta l’area “calpestabile” della platea; da qui la scelta di optare per entrambi esclusivamente su strumentazione wireless di massima affidabilità, che ci garantisse stabilità anche su distanze considerevoli ed in ambienti RF non sempre di facile gestione.

Challenge

Come accennato prima, il tour ha toccato venue estremamente differenti in tutto e per tutto tra loro - questo ha fatto sì che, se in certe venue l’ambiente RF era estremamente lavorabile e di facile gestione, in altre, anche a causa della specifica posizione della venue, gli ambienti RF fossero estremamente affollati - una criticità che è stato fondamentale prevedere in fase di pre-produzione, dato che i sistemi wireless sul palco attivi contemporaneamente erano, per esigenze artistiche, davvero tanti rapportati alla dimensione del set-up stesso.

Come dicevo sono capitate alcune venue estremamente complesse dal punto di vista RF: estremamente affollate e con piccolissime bande davvero “lavorabili”. I sistemi SLX-D ci hanno concesso di sfruttare al massimo quelle poche risorse RF che queste venue ci mettevano a disposizione, e con davvero poche accortezze ci hanno permesso di fatto di nullificare ogni criticità RF che ci siamo trovati ad affrontare.

Solution

Dopo alcune valutazioni in team, abbiamo convenuto che i sistemi wireless Shure fossero quelli che meglio soddisfacevano le esigenze tecniche ed artistiche dello show, e che ci garantivano una maggiore affidabilità da molti punti di vista. I due sistemi SLXD24E sono stati utilizzati per la voce principale della band, Veronica, e per il suo “spare microphone”; i due sistemi SLXD14DE sono invece stati utilizzati per gli strumenti a corda della band - chitarre elettriche e basso elettrico, per la maggior parte suonati da Dario.

Gli artisti sono stati conquistati dall’affidabilità e costanza dei sistemi, che è stata loro evidente già dopo poche date, quando nonostante fossero stati impiegati nelle venue più disparate, non hanno mai minimamente alterato la loro funzionalità e qualità.

Uno dei membri della band ha detto che per la prima volta, durante questo tour, si è completamente dimenticato di star usando un sistema wireless. Penso sia il miglior complimento che si possa fare al sistema SLX-D: ha consentito agli artisti di concentrarsi solo sulla loro performance, rimuovendo qualsivoglia pensiero relativo alla tecnica audio dietro ad essa.

Advantages

La capsula KSM9 ha consentito di massimizzare la vocalità e la dinamicità della cantante, che durante il corso del concerto sfrutta un range ampissimo, sia a livello dinamico che a livello puramente vocale. Questa grande variabilità e la grande quantità di movimenti che Veronica compie durante lo show non sempre viene “sostenuta” dai microfoni, e questo fa sì che si perdano alcune sfumature vocali ed emotive della performance: non è il caso della capsula KSM9, che invece ha consentito alla cantante di avere un ascolto della propria voce sempre limpido e responsivo, garantendole un maggior controllo ed una maggior libertà interpretativa.

Tecnicamente parlando, la capsula KSM9 ha permesso di avere una ricettività costante durante movimenti, coreografie, momenti di dinamica estrema e momenti di bassissima emissione vocale; in misura maggiore rispetto ad altre capsule provate in precedenza sulla voce di Veronica. Inoltre, nei momenti più “intimi” o più dinamici del concerto, ha consentito di eliminare quasi del tutto l’effetto prossimità che era invece stato sempre un notevole problema per la sua vocalità. 

Il giudizio è decisamente positivo, mi ha colpito in particolar modo la stabilità RF e l’immediatezza del sistema; l’utilizzo è decisamente facilitato e non penso mi sia mai capitato di non sapere dove cercare una funzione o un parametro durante tutto il tour. Wireless Workbench è stato un “compagno di tour” fondamentale, che mi ha permesso di velocizzare enormemente il lavoro di set-up dei sistemi wireless in virtù dell’ambiente RF specifico di ogni data.

Fotografie: ©Diletta Radaelli
 

  • ©Diletta Radaelli
  • ©Diletta Radaelli
  • ©Diletta Radaelli
  • ©Diletta Radaelli

Gear List

Model Number Quantity Description
SLX-D Dalle aule universitarie ai luoghi di culto, dagli spettacoli live agli eventi, SLX-D offre un audio digitale cristallino a 24-bit e una solida performance RF, con opzioni di setup e di ricarica semplici in una suite di configurazione wireless versatile.
KSM9 Microfono a condensatore con doppio diaframma e caratteristiche polari selezionabili di prima qualità per voce.
BETA 58A Microfono dinamico per voce. La risposta in frequenza ottimizzata enfatizza la voce, mentre la caratteristica polare supercardioide lo isola da altre sorgenti sonore